Recovery Plan e Fotovoltaico

By |2021-05-17T16:30:48+02:00Maggio 17th, 2021|risparmio energetico|

Il Recovery Plan per il fotovoltaico

Il Recovery Plan contempla anche il fotovoltaico e le energie rinnovabili, ma non mancano le critiche dagli operatori e dagli esperti del settore.

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza, rappresenta un grandissima opportunità nazionale il cui scopo è quello di garantire uno sviluppo sostenibile all’Italia.

L’Italia è la prima beneficiaria in Europa dei due strumenti del piano NextGeneration UE: il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RRF) e il Pacchetto di assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori di Europa (REACT-EU).

Il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza

Secondo il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, entro il 2030 l’Italia sarebbe in grado di aggiungere 70 GigaWatt di potenza da fotovoltaico ed eolico. Questo sarebbe possibile se ci fosse una strategia che miri a creare una filiera di imprese.

Nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza si prevede un investimento di 1,1 miliardi per promuovere l’installazione di impianti agro-voltaici con una capacità produttiva di 2 GW. Ovvero il cosiddetto Agrivoltaico. Ma non basta e non basta da solo neanche il Superbonus.

Il Repowering

Per raggiungere l’obiettivo di potenza da fotovoltaico il governo dovrebbe considerare per gli incentivi, interventi di repowering di impianti installati tra il 2010 e il 2014.

Per repowering si intende il processo di modifica e/o sostituzione dei componenti di un impianto ad energia solare, per incrementarne la potenza nominale e la produzione annua. 

Le comunità energetiche

E’ necessario il coinvolgimento della pubblica amministrazione in programmi strutturati sulle comunità energetiche. Ovvero collettività di più soggetti che condi­vidono l’energia prodotta da impianti di energia rinnovabile. Questi possono utilizzare reti di distribuzione già esistenti, ma anche forme di autoconsumo virtuale.

Mobilità elettrica

Bisognerebbe inoltre che il governo ponga l’accento sulla mobilità locale. La mobilità elettrica, deve assumere un ruolo centrale, come in tutte le città europee.

I veicoli elettrici consumano mediamente un terzo dell’energia utilizzata nei motori termici.

Un piano che necessita approfondimenti

Non possiamo dire che il Recovery Plan con il piano nazionale di Ripresa e Resilienza non contempli il fotovoltaico, ma necessita di maggiori approfondimenti.